EN | FI | ES | IT | HR | BG | SK

ENDURANCE
Entrepreneurial Capacity-building for Sport

Formazione

Branding
Feedback form    |       Play    |   Scarica il contenuto        


Parole Chiave

branding, business, analisi, competizione, creazione, logo, identità




Obiettivi

Risultati di apprendimento:
- Qual è il percorso del Branding
- Essere in grado di riconoscere e valutare l'ingresso e l'analisi della concorrenza
- Creare logo e identità
- Presentarlo al cliente
- Finalizzarlo

Introduzione

BrandingClicca per leggere  

Processo di creazione, diffusione e costruzione di un marchio.

Il modo e ciò che il marchio comunica.

Il valore, la qualità e l'immagine del marchio nella mente dei vostri potenziali clienti.

In senso figurato, se la fabbrica dove fai i prodotti si brucia, l'unica cosa che ti rimane da salvare è la forza del tuo marchio.

Il branding è il processo di dare un significato a una specifica organizzazione, azienda, prodotti o servizi creando e plasmando un marchio nella mente dei consumatori. È una strategia progettata dalle organizzazioni per aiutare le persone a identificare e sperimentare rapidamente il loro marchio, e dare loro una ragione per scegliere i loro prodotti rispetto a quelli della concorrenza, chiarendo ciò che questo particolare marchio è e non è.

Conoscere l'argomento Branding.

Scegliere l'azienda in cui il branding sarà implementato.

Analisi delle entrate

Strategia di BrandingClicca per leggere  

Aiuta a identificare chiaramente il proprio marchio - che cosa incarna, offre e a che cosa assomiglia e aiuta a stabilire una voce unica del marchio, una personalità e un'identità del marchio che permette di raggiungere il proprio pubblico specifico e mirato in modo efficace.

Briefing Clicca per leggere  

Panoramica di ciò che è e non è esattamente il vostro brand. Il brand brief dovrebbe includere:

1. Vision Statement - Gli obiettivi a lungo e breve termine del brand.

2. Mission Statement - Una panoramica di come si intende raggiungere la propria Vision.

3. Promessa del brand - Le soluzioni e le aspettative che si comunicano ai clienti e ai potenziali clienti.

4. Valori del brand - Il valore centrale su cui si basa il brand. Integrità, qualità ed eco-compatibilità sono solo alcuni esempi.

5. Pubblico di riferimento - Chi si vuole raggiungere.

6. Brand-Positioning/USP - La ragione per cui i clienti dovrebbero scegliere questo brand rispetto ad altri.

7. Concorrenti chiave - I brand che hanno più probabilità di conquistare i clienti target. Anche se non sono concorrenti diretti.

8. Vantaggio competitivo - Condizioni o circostanze che permettono al brand di offrire soluzioni migliori o più economiche.

9. Brand Voice - Lo stile di comunicazione del brand. Le parole, il gergo, l'atmosfera (divertente, personalizzabile, umoristico...)

10. Cultura del brand - I principi, il codice di condotta e l'etica del lavoro nell'ambiente interno.

Comprensione del brandClicca per leggere  

I brand sono diversi dai prodotti, nel senso che i brand sono "ciò che i consumatori comprano", mentre i prodotti sono "ciò che le aziende fanno". È una somma di associazioni emotive e funzionali. Il brand è una promessa secondo la quale il prodotto funzionerà secondo le aspettative del cliente. Forma le aspettative dei clienti sul prodotto. Di solito hanno un marchio che li protegge dall'uso da parte di altri. Un brand fornisce informazioni particolari sull'organizzazione, il bene o il servizio, differenziandolo dagli altri sul mercato. Il brand porta una garanzia sulle caratteristiche che rendono il prodotto o il servizio unico. Un brand forte è un mezzo per rendere le persone consapevoli di ciò che l'azienda rappresenta e quali sono le sue proposte.

Modello di businessClicca per leggere  

È un quadro di riferimento per trovare un modo sistematico per sbloccare il valore a lungo termine di un'organizzazione mentre consegna il valore ai clienti e acquisisce il valore attraverso strategie di monetizzazione.  Un modello di business è un quadro olistico per capire il design e testare le proprie idee di business sul mercato.

Analisi della concorrenza

Pubblico di riiferimento e concorrenti Clicca per leggere  

1. Prima di creare un brand aziendale è necessario comprendere il mercato attuale, cioè, chi sono i potenziali clienti e gli attuali concorrenti.

Ci sono diversi modi per farlo:

- Cercare su Google la categoria del prodotto o servizio e analizzare i concorrenti diretti e indiretti che vengono fuori.

- Controllare i subreddits che riguardano i propri clienti e intercettare le loro conversazioni e raccomandazioni di prodotti.

- Parlare con le persone che fanno parte del mercato di riferimento e chiedere loro da quali marche comprano nello spazio di propria competenza.

- Guardare gli account o le pagine dei social media rilevanti che il pubblico di riferimento segue e a cui è interessato.

- Andare a fare shopping online o offline e farsi un'idea di come i clienti sfogliano e comprano i prodotti.

Durante la tua ricerca, prendere nota di:

- Chi sono i clienti "lowest hanging fruit", ossia quelli a cui è più facile vendere.

- Chi sono i concorrenti più importanti, i marchi affermati e conosciuti sul mercato.

- Come parlano i clienti e di cosa parlano: gli interessi che hanno e il linguaggio con cui li esprimono.

2. base teorica dell'analisi della concorrenza - risorse di dati acquisiti

3. determinazione della concorrenza diretta, nonché della concorrenza tra fornitori.  

Creazione del logo

Scegliere il focus e la personalità Clicca per leggere  

Scegliere il focus e la personalità - non si può stabilire che il brand sia tutto per tutti, specialmente all'inizio.

È importante trovare il proprio obiettivo e lasciare che questo influenzi tutte le altre parti del brand mentre prende forma.

Per prima cosa bisogna sapere:

1. Qual è il proprio “positioning statement"? Una o due righe che definiscano la propria posizione sul mercato. Non è qualcosa da mettere sul proprio sito web o biglietto da visita, serve solo per rispondere alle domande giuste sul proprio brand e aiuta a creare la tagline dello stesso.  La dichiarazione di posizionamento dovrebbe essere qualcosa come...

Offriamo [PRODOTTO/SERVIZIO] per [MERCATO TARGET] a [PROPOSTA DI VALORE].

A differenza di [L'ALTERNATIVA], noi [DIFFERENZIATORE CHIAVE].

Per esempio: Offriamo bottiglie d'acqua per gli escursionisti per rimanere idratati, riducendo al contempo la loro impronta di carbonio. A differenza di altre marche di bottiglie d'acqua, noi piantiamo un albero per ogni bottiglia acquistata.

 

 

2. Quali parole assoceresti al tuo marchio?  Immaginiamo il brand come una persona. Come sarebbe? Da che tipo di personalità sarebbero attratti i clienti? Questo aiuterà a definire la propria voce sui social media e il tono di tutta la creatività, sia visiva che scritta. Per esempio, creare un nuovo brand lanciando da tre a cinque aggettivi che descrivono il tipo di marchio che potrebbe attrarre il pubblico di riferimento.

3. Quali metafore o concetti descrivono il brand? Pensare all'identità del brand come una metafora, o personificarla, può aiutare a identificare le qualità individuali che si desidera avere. Può essere un veicolo, un animale, una celebrità, una squadra sportiva, qualsiasi cosa, purché abbia una reputazione prominente nella memoria che evochi il tipo di vibrazione che si vuole dare al brand. Per esempio, se si vuole affermare il proprio brand rivolgendosi agli imprenditori, si potrebbe scegliere di utilizzare il procione come punto di partenza: Sono sopravvissuti agguerriti che farebbero di tutto per sopravvivere. Se l'identità del vostro brand fosse un animale, quale animale sarebbe e perché proprio quello?

 

 

Scegliere il nome del business Clicca per leggere  

Una rosa con qualsiasi altro nome avrebbe lo stesso profumo dolce. Ma la Nike con un altro nome sarebbe vista su meno piedi". Shakespeare (più o meno)

 

La personalità, le azioni e la reputazione dell’identità del brand sono davvero ciò che dà significato al nome sul mercato. Quindi il nome della azienda è probabilmente uno dei primi grandi impegni che vanno presi. Avrà un impatto sul logo, sul dominio, sul marketing e sulla registrazione del marchio, se si decide di seguire questa strada (è più difficile registrare nomi di marchi generici che descrivono letteralmente ciò che si vende). Idealmente, si desidera un nome di negozio che sia difficile da imitare e ancora più difficile da confondere con i soggetti già presenti sul mercato. È possibile utilizzare il nostro generatore di nomi di business per fare un brainstorming di alcuni nomi, o provare uno (o una combinazione) dei seguenti approcci:

Inventare una parola, come Pepsi.

Riadattare una parola non correlata, come Apple per i computer.

Usare una parola suggestive o una metafora, come Buffer.

Descrivere letteralmente (attenzione: facile da imitare), come The Shoe Company.

Alterare una parola togliendo lettere, aggiungendo lettere, o usando finali latine, come ad esempio Tumblr (Tumbler) or Activia.

Creare un acronimo da un nome più lungo, come ad esempio HBO (Home Box Office).

Unire due parole: Pinterest (pin + interest), Snapple (snappy + apple)

 

 

Scrivere lo slogan Clicca per leggere  

Uno slogan accattivante è una risorsa piacevole da avere, qualcosa di breve e descrittivo che può essere usato come una tagline nelle biografie sui social media, nell'intestazione del sito web, nei biglietti da visita personalizzati e in qualsiasi altro posto dove si hanno a disposizione poche parole per ottenere un grande impatto.

Bisogna tenere a mente che si può sempre cambiare lo slogan quando si trovano nuovi angoli per il marketing - la Pepsi è passata attraverso più di 30 slogan negli ultimi decenni. Un buon slogan è breve, accattivante e fa una bella impressione per aumentare la consapevolezza del marchio. Ecco alcuni modi per approcciarsi alla scrittura di uno slogan:

Fissare la propria richiesta. Caffè Death Wish: “Il caffè più forte del mondo”

Farne una metafora. Redbull: Redbull ti mette le ali.” 

Assumere l’atteggiamento dei clienti. Nike: “Just do it.”

Far leva sulle etichette. Cards Against Humanity: “Un gioco da festa per persone orribili.”

Scrivere una rima. Caffè Folgers: “Al risveglio, una tazza di Folgers per star meglio.”

Descrivere letteralmente. Aritzia: “Boutique di moda femminile.”

Provate lo slogan maker per fare un brainstorming di idee, o giocate con la vostra dichiarazione di posizionamento per generare potenziali one-liners per descrivere il vostro business.

 

 

Scegliere l'aspetto del brand (colori e font) Clicca per leggere  

Una volta ottenuto un nome, è necessario pensare al design del brand, in che modo si rappresenterà visivamente il brand, ossia i colori e la tipografia. Questo tornerà utile quando si inizia a costruire il proprio sito web.

Scegliere i colori

I colori non solo definiscono l'aspetto del brand, ma veicolano anche la sensazione che vuoi comunicare e contribuiscono a renderla coerente in tutto ciò che si fa. Vanno scelti colori che si differenziano dai concorrenti diretti per evitare di confondere i consumatori.

La psicologia del colore non è una scienza esatta, ma aiuta a orientare le scelte, specialmente quando si tratta del colore per il logo del brand.

L'infografica offre un'interessante panoramica delle emozioni e delle associazioni che i diversi colori generalmente evocano.

Scegliere i font

Semplicità. Utilizzare al massimo due font, onde evitare di confondere i visitatori: uno per i titoli e uno per il testo del corpo (da escludere il font utilizzato per il logo). È possibile utilizzare Font Pair per sfogliare una vasta selezione di font che stiano bene insieme.

  • Disegnare il logo del brand (attraverso un software). Dopotutto, è il volto dell’aziendaIn teoria, si dovrebbe creare il proprio brand con un logo che sia unico, identificabile, e adattabile a tutte le dimensioni (cosa spesso trascurata).

Prendere in considerazione tutti i luoghi in cui il logo del brand deve esistere,

Ad esempio, se si ha un logo di testo come avatar di Instagram, sarà quasi impossibile da leggere. Per semplificare, si potrebbe creare una versione quadrata del logo che abbia un elemento “icona” riconoscibile anche a dimensioni più piccolo.

  • Applicare in tutto il business - Applicare il branding in tutto il business dà una storia coesiva al brand. Una storia del brand rappresenta chi è la tua azienda e cosa rappresenta. Mette in scena ogni interazione che i clienti hanno con il brand, in negozio e online.
Creazione di un‘identità

In modo che i clienti possano distinguere il brand in mezzo ai concorrenti. Clicca per leggere  

L'identità di un brand deriva da un'organizzazione, vale a dire, un'organizzazione è responsabile della creazione di un prodotto distinto con caratteristiche uniche. È come un'organizzazione cerca di identificarsi. Rappresenta come un'organizzazione vuole essere percepita sul mercato. Un'organizzazione comunica la sua identità ai consumatori attraverso le sue strategie di branding e di marketing. Un brand è unico grazie alla sua identità. L'identità del brand include i seguenti elementi: visione del brand, cultura del brand, posizionamento, personalità, relazioni e presentazioni. L'identità del brand è un insieme di associazioni mentali e funzionali con lo stesso. Le associazioni non sono "ragioni per comprare" ma forniscono familiarità e differenziazione che non sono replicabili. Queste associazioni possono includere la "melodia di firma" (per esempio - Britannia "ting-ting-ta-ding"), i colori del marchio (per esempio - colore blu con Pepsi), il logo (per esempio - Nike), lo slogan (per esempio - lo slogan di Apple è "Think different"), ecc.

L'identità del brand è la proposta/promessa totale che un'organizzazione fa ai consumatori. Il brand può essere percepito come un prodotto, una personalità, un insieme di valori e una posizione che occupa nella mente del consumatore. L'identità del brand è tutto ciò che un'organizzazione vuole che venga associato ad esso. È una caratteristica legata a una specifica azienda, prodotto, servizio o individuo. È un modo di comunicare esternamente un brand al mondo.

L'identità del brand consiste negli elementi evidenti di un brand (per esempio - colore del marchio, logo, nome, simbolo) che identificano e differenziano un brand nella mente del pubblico target. È un mezzo cruciale per far crescere un'azienda.

L'identità del brand è l'aggregazione di tutto ciò che viene fatto da un'organizzazione. È la missione di un'organizzazione, la personalità, la promessa ai consumatori e i vantaggi competitivi. Include il pensiero, i sentimenti e le aspettative del mercato target/dei consumatori. È un mezzo per identificare e distinguere un'organizzazione da un'altra. Un'organizzazione che ha un'identità di brand unica ha una migliore consapevolezza del brand, un team motivato di impiegati che si sentono orgogliosi di lavorare in un'organizzazione ben brandizzata, acquirenti attivi, e stile aziendale. L'identità del brand porta alla lealtà verso lo stesso, alla preferenza del brand, all'alta credibilità, ai buoni prezzi e ai buoni ritorni finanziari. Aiuta l'organizzazione ad esprimere ai clienti e al mercato target il tipo di organizzazione che è. Garantisce di nuovo ai clienti che siete chi dite di essere. Stabilisce una connessione immediata tra l'organizzazione e i consumatori. L'identità del marchio dovrebbe essere sostenibile. È cruciale affinché i consumatori si correlino istantaneamente con il prodotto/servizio.

L'identità del brand dovrebbe essere futuristica, cioè, dovrebbe rivelare le associazioni aspirate per il brand. Dovrebbe riflettere le qualità durevoli di un brand. L'identità del brand è un mezzo fondamentale per il riconoscimento da parte del consumatore e rappresenta la distinzione del brand dai suoi concorrenti.

Presentazione al “cliente”

Presentazione al “cliente”Clicca per leggere  

1. Iniziare con il brief del design del logo

Il successo della presentazione del logo a un cliente inizia molto prima dell’esposizione.

Il vero segreto di come presentare un logo inizia negli incontri iniziali con i clienti, quando ci si accorda su un brief creativo. Poi, presentare un logo a un cliente diventa una questione di mostrare loro come il design soddisfi i requisiti concordati in precedenza. Ecco cosa affermano alcuni esperti designer di loghi su come presentare un logo secondo il design brief:

2. Fare la presentazione del logo di persona o via video

Un altro suggerimento su come presentare un logo che è venuto fuori più e più volte nel nostro gruppo di esperti è stato quello di fare le presentazioni del logo ai clienti di persona (o online), non via e-mail.

Parte della padronanza di come presentare un logo è essere in grado di valutare le reazioni dei clienti al volo e adattarsi a un'ampia varietà di risposte. Questo si rivela quasi impossibile quando si presenta semplicemente un logo via e-mail.

Prendersi del tempo per preparare una presentazione del logo che si fa "di persona" dimostra anche che ci si preoccupa di come si presenta il logo e che si crede nel design finale del logo.

3. Raccontare una storia convincente sul logo

Imparare come presentare un logo ad un cliente è tanto una questione di narrazione quanto di abilità professionali di presentazione. Infatti, una storia spesso ti porterà molto più lontano con un cliente di quanto possa fare una rigida presentazione in stile esecutivo. La vostra storia dovrebbe presentare il problema che l'azienda o i suoi clienti hanno affrontato e come il nuovo logo risolve molti problemi precedenti.

4. Includere i mockup e fornire il contesto

Oltre a raccontare una storia e a mostrare come il vostro logo risolve il problema del cliente, dovrete anche imparare a presentare un logo nel suo contesto, fornendo scenari di vita reale e mock-up. Presentando il logo di un cliente in contesti del mondo reale (come sui loro prodotti, sulla carta intestata, o nelle pubblicità), il tuo cliente sarà più propenso a immaginare la forza del nuovo logo che stai presentando.

5. Mostrare la versatilità del logo

Oltre a presentare mockup del potenziale utilizzo del logo, sarà utile mostrare quanto versatile possa essere il vostro logo. Imparare a presentare un logo in un'ampia varietà di modi aiuterà il tuo cliente a vedere quanto flessibile e senza tempo sia il tuo nuovo design. Li aiuterà a vedere esattamente perché ti fai pagare bene per la creazione del logo.

6. Focus sull’audience

L'audience spesso non è il committente a cui stai presentando il logo, ma i suoi clienti. Quindi, anche se può essere allettante parlare di quanto al tuo cliente dovrebbe piacere il tuo nuovo design del logo, imparare come presentare un logo con il giusto pubblico in mente è fondamentale per il tuo successo. Forse uno dei consigli più critici è stato dato dal logo designer Ben Mottershead di Ben designs "Mostra sempre il logo come sarebbe visto da un pubblico". Questo significa che mentre stai presentando i mockup o evidenziando la versatilità del design del tuo nuovo logo, assicurati di evidenziare il nuovo logo dalla prospettiva del pubblico più importante: il cliente del tuo cliente.

 

Finalizzazione

FinalizzazioneClicca per leggere  

Il logo è la prima cosa che la gente vedrà come simbolo del brand. Rappresenterà ciò che il brand è e trasmetterà il pensiero primario dello stesso. La gente fa ogni sorta di cose creative per rendere migliore il logo del proprio marchio, ma tutti gli sforzi falliscono se alcune cose non vengono considerate. Ci sono alcune regole definite che i marchi devono seguire mentre disegnano il logo per il loro business. Abbiamo redatto una lista dove abbiamo elencato 6 cose da guardare prima di finalizzare il logo di un brand.

Il pubblico capisce bene il logo? Potreste aver progettato un bel logo con tutti i tipi di colori, ma non avrà alcun senso se il vostro pubblico non lo capisce o lo confonde con qualcos'altro. Il logo deve trasmettere la vera essenza del brand e deve essere percepito correttamente dal pubblico.

Semplice ma bello - Aggiungere troppe forme e colori contrastanti renderà il logo disordinato. Al pubblico potrebbe non piacere un logo con un design molto complesso. Mantenetelo semplice con meno colori che permetteranno anche al vostro pubblico di riconoscerlo facilmente quando vedranno il logo di nuovo. Per esempio, il logo della Apple è semplice e trasmette la loro idea di mantenere le cose semplici e belle.

Non usare troppi effetti - Effetti come ombre, smussi, modelli possono sembrare molto attraenti ma possono essere un problema quando vengono visti su vari dispositivi e formati. Il logo può sembrare molto diverso se lo si vede sul computer e lo si vede su una brochure stampata se si usa un effetto.

Non usare i colori nel modo che vi piace - Le combinazioni di colori denotano un significato e non possono essere semplicemente una scelta di un individuo. Alcune combinazioni di colori denotano calma e altre energia. Questa teoria può anche essere applicata alle forme dove un cerchio denota l'infinito e una forma a scintilla denota energia.

Realizzare linee guida per il logo - Se avete fatto degli sforzi per creare il logo, assicuratevi che venga usato correttamente. Definite le linee guida su dove dovrebbe essere usato il logo, con quale corretta combinazione di colori in CMYK o RGB, quali cambiamenti possono essere fatti ecc. Tutto ciò deve essere elencato correttamente per mantenere l'uniformità e per giustificare l'uso del logo.

Renderlo utilizzabile per diversi formati - Progettare un logo che si adatti a diversi formati che vanno dal grande come su un cartellone pubblicitario al piccolo come su una pagina di social media è un must. Dovrebbe avere la stessa attrazione indipendentemente da qualsiasi tipo di formato.

Ricordate sempre che il logo non è solo un simbolo del vostro marchio ma è anche un simbolo per voi, è importante amarlo. È uno dei pochi elementi visibili del vostro business e raccoglierà l'azienda sotto un unico tetto.



Bibliografia

https://www.levosphere.sk/faq/co-je-branding/

https://www.lcca.org.uk/blog/education/history-of-branding/

https://www.dropbox.com/sh/a4l9k9mlzbr3pnd/AADozsSvc8cQ5xfpCnDbgTz1a?dl=0




Materiale formativo correlato



Glossario correlato

  • Strategia di branding e briefing :
    è un’identificazione del tuo marchio e di quello che rappresenta. Dà una visione generale su quello che il tuo marchio è o non è.
  • Analisi della concorrenza :
    abbiamo bisogno di fare una ricerca sul pubblico di riferimento e sul mercato attuale, per capire la domanda e l’offerta.
  • Logo :
    focus esclusivo e personalità del marchio.
  • Identità:
    è un elemento caratterizzante del marchio, in modo che il pubblico possa distinguerlo dalla concorrenza.
  • Presentazione :
    dovrebbe essere focalizzata su un determinato pubblico, nella maggior parte dei casi i clienti dei nostri clienti.
  • Consulta tutti i termini


Partner

portfolio img
portfolio img
portfolio img
portfolio img
portfolio img
portfolio img
portfolio img
portfolio img